Glossario

I termini più usati nel Reiki e nelle discipline olistiche

 

 

Di seguito vi elenchiamo un breve glossario con i termini più usati, ma non di uso comune, nel settore olistico, sperando che vi possano essere d’aiuto nella comprensione dei testi.

 

 

  

 

 

Per approfondire potete anche consultare

il sito di Wikipedia https://it.wikipedia.org 


Alimentazione Naturale  

L’insieme di criteri e norme per prendere coscienza di quali siano gli alimenti dannosi alla nostra salute e quelli che invece risultano salutari.

 

Anapanasati meditazione  

Metodo di meditazione di origine buddhista, basato sul conteggio del respiro.

 

Antroposofia  

Dottrina fondata da Rudolph Steiner, che ha come obiettivo lo sviluppo della parte spirituale nell’uomo. Rudolph Steiner era membro della società teosofica, dalla quale uscì nel 1913 per fondare la società antroposofica. La sua dottrina può essere definita come un misto di gnosi, occultismo, mistica orientale ed elementi cristiani.

 

Aromaterapia  

Medicina alternativa che utilizza, a scopo terapeutico, le essenze di oli aromatici. L’uso terapeutico degli oli era già utilizzato dagli antichi Egizi ed altre culture antiche, ma l’aromaterapia si diffuse solo nel 1930, da parte del chimico francese René-Maurice Gattefossé, con la scoperta delle proprietà mediche degli oli essenziali.

 

Ascesi  

Pratica di vita intesa a elevare qualità spirituali. Il suo scopo è di liberare la persona dai suoi legami terrestri o mondani, per condurla ad un'esperienza di tipo mistico. L’ascetismo è costituito dal complesso delle pratiche ascetiche codificate nell'ambito di una religione. Nella filosofia antica acquistò un significato morale, definendo i mezzi (rinuncia, dominio delle passioni, ecc.) per il conseguimento della virtù.

 

Ashram  

Luogo di ritiro e meditazione indiano dove, sotto la direzione di un istruttore o guru (Maestro), i discepoli si riuniscono per vivere una disciplina spirituale.

 

Astrologia  

Arte che studia l'influenza degli astri sul carattere e sul futuro delle persone.

 

Atman  

Termine induista, lett. “sé, anima, vita”, indica l’anima, o coscienza individuale, come parte di un’anima universale o Brahman. Talvolta indica l’apparato psicofisico.

 

Aura  

Campo di energia sottile che circonda il corpo dell’essere umano, anche se comunemente viene chiamata aura si dovrebbe far riferimento a più auree che sono strettamente collegate con i diversi corpi sottili (piani energetici dell’essere umano). L’aura è visibile solo da persone particolarmente dotate o addestrate ed attraverso la “lettura” di queste particolari forme di energie, che si manifesta attraverso una particolare luminosità e colore, si può intuire lo stato di salute fisica, emotiva e mentale di una persona. La camera Kirlian è uno strumento che permette di fotografare queste emanazioni energetiche del corpo umano.

 

Autoguarigione  

--

 

Ayurveda  

Sanscrito lett. “sapienza della vita” o “della salute” (Ayus = vita, veda = scienza, conoscenza); l’Ayurveda è la scienza medica dell’India, che trae le proprie conoscenze dagli antichi testi vedici dell’india antica, le quattro Veda-Samhita in particolare dall’Atharva-veda. Questo tipo di medicina considera la relazione tra corpo, emozioni, mente e spirito, come visione globale dell’essere umano in unione ed armonia in tutti i suoi livelli.

 

Buddha  

Termine attribuito a colui che si è “risvegliato in vita”, “illuminato”, normalmente utilizzato per designare il Buddha storico, Gautama, il fondatore del Buddhismo ed uno dei più importanti maestri spirituali dell’umanità; secondo la dottrina Buddista vi sono stati e vi saranno dei “Buddha”, cioè “illuminati e risvegliati in vita”. Gautama nacque intorno alla metà del VI sec. a. C. nella famiglia dei Sakya; gli venne dato il nome di Siddhartha, cioè “Colui che ha raggiunto la sua metà”. La nascita, la morte e l’illuminazione di Gautama Buddha sono celebrate nel giorno di vaisakha (aprile/maggio). È il simbolo dell’intelletto risvegliato.

 

Buddhismo  

Dottrina filosofica e religiosa fondata da Gautana Siddhartta che operò nell'India settentrionale sul finire del sec. VI a.C.. Il Buddhismo si è propagato in vaste zone dell'Asia continentale ed insulare e, in tempi recenti, anche in Occidente.

  

Chuden  

Giapponese lett. "Secondo Livello"; nella disciplina del Reiki attribuito al secondo livello.

 

Cinque Principi Reiki  

Considerati i principi etici del Reiki. 

1. Proprio oggi non ti arrabbiare

2. Proprio oggi non ti preoccupare

3. Proprio oggi sii pieno di gratitudine

4. Proprio oggi svolgi il tuo lavoro con dedizione

5. Proprio oggi sii gentile con le persone

È credenza che i cinque principi siano stati creati da Mikao Usui (fondatore di Reiki) basandosi su una frase della pagina iniziale del libro intitolato “Enzen no Geri” o “Il Principio del Suono”, scritto da Suzuki Bizan e pubblicato il 28 dicembre durante il terzo anno di Taisho (1914). La frase intitolata “Un sentiero per il suono” recita così: 

“Solo oggi non essere arrabbiato, non essere impaurito, con onestà, esegui diligentemente il tuo dovere, sii buono con gli altri."

 

Crescita personale  

Crescere significa migliorare se stessi. La crescita personale è un cammino individuale che passa per l'accettazione di sè e prosegue, di consapevolezza in consapevolezza, fino all'amore per se stessi e per altri. Crescendo si trovano nuove risposte e, nello stesso tempo, ci si pongono nuove domande, che ci porteranno ad evolverci in un percorso in continuo mutamento.

 

Cristallopratica  

Metodo di riequilibrio energetico basato sull’uso di cristalli, pietre preziose o semipreziose, in grado di agire sui centri energetici del corpo umano, riportando l’equilibrio in essi e di conseguenza nell’essere umano.

 

Cromopratica  

Metodo di riequilibrio psico-fisico che utilizza il potere energetico dei colori e delle radiazioni luminose.

 

 

Danze Meditative

Uso del movimento per il riequilibrio, basato sul principio che ogni emozione implica un rapporto tra corpo e psiche.

 

Dharma  

Sanscrito. Tra i vari significati del termine: “legge, dovere, religiosità, giustizia, natura e qualità”. Il dharma è un ordine socio-cosmico che regola e sostiene la vita dell’uomo e dell’universo, è una norma universale che è inscritta, quasi come codice genetico, nell’intimo di ogni creatura e la cui infrazione provoca una condizione innaturale, limitante e patologica, che immancabilmente porta conflitti e sofferenze; essere “consapevoli del proprio dharma” rappresenta un modo di essere e di vivere che permea l’individuo in tutta la sua totalità antropologica. Il dharma è strettamente collegato con il karma.

 

Disciplina olistica  

Una disciplina viene considerata olistica quando ha una visione unitaria dell’uomo, cioè quando prende in considerazione tutti i suoi aspetti: quello fisico, quello emozionale, quello mentale e quello spirituale.

Tali discipline ci forniscono un mezzo di crescita personale che ci aiuta a stare meglio, a sviluppare le nostre capacità e potenzialità, ad aumentare la nostra consapevolezza e a favorire la nostra evoluzione.

 

Feng Shui  

Lett. "vento" e "acqua". Il Feng Shui è un’antica scienza orientale che, studiando il rapporto energetico dell’uomo con il proprio ambiente di vita, ha creato un’arte per vivere in armonia ed equilibrio con tale ambiente.

Il posto in cui viviamo, la nostra casa, ci rispecchia e ci influenza, essa rappresenta il nostro corpo allargato, quindi rilevando gli squilibri o i blocchi di ogni singolo ambiente, attraverso il Feng Shui possiamo trovare i correttivi adatti ed averne di conseguenza un personale beneficio. 

Armonizzando le energie ambientali e vitali (il Ch’ì) quest’arte dell’abitare migliorerà la nostra vita, creando un ambiente accogliente e confortevole in cui vivere.

 

Fitoterapia  

Uso di piante a scopo curativo. La fitoterapia impiega la pianta intera, variamente conservata e preparata. La fitoterapia cerca di curare le cause e le relative modalità preventive. Si distinguono in scientifica e tradizionale. La prima impiega le piante in rapporto ai loro principi attivi, la seconda, invece, in base anche alle tradizioni terapeutiche.

 

Fiori di Bach  

Rimedi floreali a scopo curativo ideati dal Dottor Edward Bach (1880-1936). Dopo aver individuato dodici archetipi relativi ad altrettante tipologie individuali, studiò 38 rimedi floreali ("back flowers remedies"), che modificando lo stato mentale, curano anche malattie organiche.

 

Floriterapia  

Metodo naturale di cura attraverso l'uso di alcune varietà di fiori selvatici.

  

Hayashi Chujiro  

(1879-1940) Maestro Reiki e allievo del Maestro Mikao Usui. Hayashi era capitano della Marina Imperiale giapponese, che venne iniziato allo Shinpiden (Livello Insegnante) nel 1925, dopo aver lasciato la Marina. Il Maestro Hayashi lasciò la “Usui Reiki Ryoho Gakkai” il primo centro di Reiki (che aveva deciso di non diffondere il Reiki, ma di insegnarlo solo a pochi) formata dal Maestro Usui ed aprì la sua clinica Reiki a Shinano-Chu, a Tokyo. E’ a lui che si deve principalmente la diffusione del Reiki.

 

Hatsurei Ho  

Pratica meditativa di Reiki insegnata dal Maestro Usui e praticata nella Reiki Ryoho Gakkai, centro di formazione di Usui. E' costituita da 9 passi e al suo interno gli allievi possono ricevere Reju (armonizzazioni). E' considerato un metodo per attivare l’energia Reiki.

 

Heso Chiryo Ho  

Tecnica di Reiki utilizzata per trattare la zona specifica dell’ombelico.

 

Inamoto Hyakuten  

Maestro Reiki e monaco buddhista giapponese. Il Maestro Inamoto ha sempre vissuto in Giappone e gli insegnamenti che ha ricevuto arrivano esclusivamente dalla discendenza giapponese. 

Tali insegnamenti hanno subito solo due passaggi dal fondatore Mikao Usui e sono oggi quanto c’è di più vicino alla disciplina originale.

 

Iridologia  

Tecnica d’indagine naturopatica, attraverso la quale si riesce, mediante l'analisi dell'iride, ad individuare le condizioni di salute passate e presenti della persona.

 

Jaki Kili Joka  

Tecnica di Reiki che serve per ripulire energeticamente gli oggetti.

 

Jumon  

Giapponese. Lett. "Mantra", nella disciplina del Reiki è attribuito al simbolo (shirushi) che costituisce la rappresentazione grafica, invece il mantra (jumon) la rappresentazione “verbale, sonora”.

 

Karma  

Sanscrito lett. “azione”. Legge di causa ed effetto su cui si regge l’universo prakritico (materiale), per la quale ad ogni azione, positiva o negativa, segue una reazione dello stesso segno che, secondo gli antichi testi indiani, inevitabilmente lega al ciclo di morti e rinascite (samsara). In un’accezione più debole ma più arcaica, il termine significa “azione rituale”.

 

Karuna  

Sanscrito lett. misericordia.

 

Karuna Reiki  

Metodo occidentale di cura naturale, creato da W. Rend.

 

Kinesiologia  

Metodo d'indagine e di riequilibrio energetico sulla persona mediante test di reazione muscolare, in relazione con le strutture fisiche, emotive e biochimiche dell'individuo; rimuove stress negativi di tipo fisico, chimico, emotivo o mentale.

 

Kurama  

Monte sacro, nei pressi di Kyoto, l’antica capitale del Giappone, dove Mikao Usui decise di ritirarsi per 21 giorni di digiuno e meditazione. Durante questo ritiro il Maestro Usui raggiunse l’illuminazione ed ottenne come dono dal cielo la capacità di ripristinare la salute. Da quel momento nacque il metodo chiamato Reiki da Mikao Usui.

 

Mantra  

Sanscrito lett. “strumento di pensiero”; deriva dalla combinazione delle due parole sanscrite manas (mente) e trayati (liberare). Il mantra è una parola sacra di preghiera o meditazione che aiuta ad elevare la propria consapevolezza spirituale; si può considerare come una vibrazione sonora spirituale, un suono in grado di liberare la mente dai pensieri.

Sostanzialmente consiste in una formula (una o più sillabe, o lettere o frasi) che vengono ripetute per un certo numero di volte al fine di ottenere un determinato effetto, principalmente sia a livello mentale che a livello fisico ed energetico. Il loro uso varia a seconda delle scuole spirituali o delle filosofie.

 

Mawashi Reiki  

Cerchio Reiki; più praticanti Reiki che stanno in piedi in cerchio tenendosi per mano, per far circolare e fluire l’energia di Reiki attraverso le mani ed il cerchio stesso.

 

Meditazione  

Solitamente questo termine viene utilizzato per definire una pratica spirituale. Il suo principale scopo è quello di portare la “consapevolezza”, è quindi “essere presente nel momento presente”, focalizzare l’attenzione nel proprio interno, ove il traffico dei pensieri è cessato e la mente è subordinata alla vera essenza dell’essere; lo stato di meditazione è definito come “stato di non mente” “silenzio interiore”. Esistono molti tipi di meditazione, conosciuta principalmente in Oriente, attraverso le varie culture e tradizioni antiche, ove i grandi Maestri ne hanno portato l’essenza fino ai giorni nostri. Questa pratica, nelle sue molte espressioni, si sta diffondendo anche qui in Occidente. Uno dei principali aspetti comuni della meditazione è quello del rilassamento psicofisico e, seguendo la pratica costantemente, può portare armonia ed equilibrio nell’essere umano, di conseguenza aiuta ad affrontare la vita di ogni giorno con miglior serenità. La meditazione può essere accompagnata alla pratica di altre discipline olistiche, come ad esempio il Reiki, ottenendo degli ottimi risultati.

 

Okuden  

Giapponese. Lett. "Terzo livello"; nella disciplina del Reiki attribuito al terzo livello.

 

Oshite Chiryo Ho  

Tecnica di Reiki, basata sul trattamento attraverso la pressione della punta delle dita sul corpo.

 

Reiki  

Disciplina di origine giapponese, legata alla figura del suo fondatore Mikao Usui, che dal 1922 introdusse la pratica e la diffusione di questo sistema di riequilibrio e crescita personale. Reiki può essere tradotto come "Energia Vitale Universale" e rappresenta la forza universale che governa l'universo e la vita. Reiki è un metodo per l'armonizzazione della persona, che opera tramite il riequilibrio dell’energia vitale presente in ognuno di noi. Secondo la disciplina del Reiki l'equilibrio ed il benessere, così come la crescita interiore, non sono altro che la naturale conseguenza di questo stato di ritrovata armonia.

 

Samskara  

Sanscrito. Il termine ha due significati: 

1. nella psicologia indovedica si riferisce ai semi causali dell’azione ingenerati dalle tendenze o impressioni della mente, derivate da esperienze, pensieri e azioni vissute nell’esistenza; questi samskara sono strettamente collegati con il karma dell’individuo.

2. nella tradizione indovedica è considerato come un sacramento, una cerimonia sacra; un insieme di riti che servono a consacrare e purificare l’uomo nelle tappe più importanti della vita.

 

Seminario  

E’ il periodo (di solito di alcuni giorni) che viene dedicato ad apprendere una specifica disciplina olistica. Abitualmente vengono identificati col termine “corso” se pure questo termine è spesso risultato riduttivo.

 

Shiatsu  

Tecnica di origine giapponese; una forma di massaggio del corpo basato sulla digitopressione sui punti energetici nel corpo, utilizzata per riportare l’equilibrio nell’essere umano e migliorare lo stato di salute.

 

Shinpiden  

Giapponese. Lett. "Livello Insegnante"; nella disciplina del Reiki attribuito al quarto livello in cui viene dato il Master (livello insegnante).

 

Shirushi  

Giapponese. Lett. "Simbolo"; nella disciplina del Reiki attribuito ai 4 shirushi insegnati nel secondo e terzo livello, ognuno con una propria rappresentazione grafica che ne rappresenta il tipo di energia insieme al suo jumon (mantra) che è la rappresentazione “verbale, sonora”, dello shirushi.

 

Shoden  

Giapponese. Lett. "Primo Livello"; nella disciplina del Reiki attribuito al primo livello.

 

Shuchu Reiki  

Trattamento da più operatori; più operatori trattano un unico ricevente.

 

Shudan Reiki  

Maratona Reiki; più operatori si alternano a trattare un ricevente senza mai fermarsi.

 

Takata Hawayo  

(1900-1980) Allieva del Maestro Chujiro Hayashi, nata alle Hawaii, di origine Giapponese, a lei si deve la diffusione di Reiki in Occidente. Alla Takata fu diagnosticata una malattia grave, decise di farsi curare in Giappone, dove conobbe il Maestro Hayashi che la trattò col Reiki nella sua clinica. Guarì completamente in quattro mesi. Prima di ritornare alle Hawaii lavorò un anno per il Maestro Hayashi come studentessa Reiki.

Nel 1938 il Maestro Hayashi fece visita alla signora Takata alle Hawaii e la iniziò al livello Shinpiden (Livello Insegnante).

 

Tanden Chiryo Ho  

Trattamento di Reiki, metodo “disintossicante” (purificazione).

 

Trattamento  

Si tratta di sessioni individuali in cui vengono applicate le tecniche di riequilibrio e riarmonizzazione dei vari stili e delle varie discipline proposte.

 

Uchite Chiryo Ho  

Tecnica di Reiki, utilizzata per stimolare l’area intorpidita del corpo e far penetrare velocemente l’energia di Reiki.

 

Usui Mikao  

(1865-1926) Nato e vissuto in Giappone, fondatore della disciplina del Reiki che dal 1922 introdusse la pratica e la diffusione di questo sistema di riequilibrio e crescita personale. Il maestro Usui era un uomo comune, di buona famiglia, un buddista praticante del buddismo giapponese.

 

Usui Shiki Ryoho Gakkai  

Primo centro di formazione di Reiki, fondata dal maestro Usui nel 1922 ad Ayoama, Tokyo.

 

Zenshin Ketueki Kokan Ho  

(abbr. Zenshin Kekko) Trattamento di Reiki, metodo per stimolare l’emoscambio dell’intero corpo.